Il mistero della Locomotiva Scomparsa

 

Storie ....

Racconti.......

e

Leggende...................

trenoscomparso@deepworld.it

Home Page Link Galleria foto Foto Misteriose Il Ceresio Sott'acqua Manifestazioni  

 

 20 aprile 2007

 

Lago del Ceresio (Lago di Lugano), un lago pieno di Mistero che da sempre mi ha affascinato,come tutti i laghi nasconde nelle sue profondità tanti ricordi passati, storie .... e misteri.....  intrappolati nelle sue viscere.

 E' dall'età di 12 anni che vengo su questo lago, tra queste valli e montagne che ritengo fantastiche, anche se non sono nato in questi luoghi, ormai fanno parte di me del mio passato e il lago col suo mistero e le sue leggende mi hanno sempre stimolato la fantasia. 

 Ho iniziato ad immergermi nel 1987 e mi sono subito appassionato a quei posti che nascondono un certo fascino misterioso, grotte, fiumi, laghi e dove c'è mistero, vengo attratto come un ferro dalla calamita.

 

 E' da parecchi anni che mi immergo nel lago del Ceresio, e ho conosciuto degli altri subacquei come Carlo Roncoroni, anche lui sempre alla ricerca dei misteri sommersi, e che mi ha parlato della famosa locomotiva stata travolta da un'alluvione e trascinata nel Lago nella notte del 21-22 agosto del lontano 1911. 

 

 Si dice..... che di notte durante piogge molto forti si sente il fischio della Locomotiva...... e la campanella del capotreno.....

 

 Carlo con altri suoi amici ha fatto una ricerca di questa locomotiva nel 1998 e si può vederli nell'articolo di questo giornale locale.

 

 

 Alla manifestazione del 30 aprile Carlo sarà con noi, in caso di ritrovamento non può certo mancare e ..... speriamo sia la volta buona.

 

                                                      Massimiliano Pellegrini

 

Sotto è pubblicata la lettera che Carlo con grande entusiasmo ci ha scritto

 

 

 

 

    Link

    Famiglia Selva

    Comune Porlezza

    Comunità Montana

    Ferrovie Perdute

    

 

Dal sito Wikipedia

Ceresio, l'altro nome del Lago di Lugano è l'italianizzazione del nome latino Ceresium, di etimologia incerta (secondo alcuni dal latino "cerasa" cioè ciliegia, secondo altri ci sarebbe un origine più antica da individuarsi in un antico toponimo romano "Ceresium" la cui traduzione più accurata sarebbe: "più blu del cielo".

Correva l'anno

1981...

Nell'anno 1881 con regio Decreto n. CX in data 24 marzo, firmato in Roma da Umberto I (1844 - 1900) e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno il 23 Aprile 1881 al n. 95, il Ministero dell'Agricoltura, Industria e Commercio, Ministro Luigi Miceli (1824 - 1906) autorizzava la banca della Svizzera Italiana, sede in Lugano, costituita con atto pubblico in data 22 aprile 1873 ad operare in Italia. L'atto di costituzione della Banca veniva redatto dal notaio del Cantori Ticino – Federazione svizzera, avv. Gerolamo Vegezzi (1833 - 1899) di Locarno residente a Lugano. Veniva inoltre autorizzata ad estendere al Regno d'Italia le operazioni di credito per la durata di anni venti a decorrere dal 24 marzo 1881. La Banca eleggeva il domicilio in Domodossola e destinava per le operazioni in Italia la somma di lire 50.000.

 

Maggiori informazioni

Storia della ferrovia

Aprile 2007 

E’ con piacere che scorro le immagini dell’intrigante ed interessantissimo sito della DW, dove si parla finalmente in modo molto esteso della mitica e fantomatica locomotiva del Lago Ceresio.

Ricordo ancora quando in qualche nostra immersione invernale alla scoperta dei fondali e relitti del Lago di Lugano a Porlezza, parlai all’amico Presidente della DW Massimiliano Pellegrini – nome di battaglia MAX – di quanto noi amici sub di Porlezza già vari anni fa avessimo tentato per il ritrovamento della locomotiva tanto cara un tempo ai porlezzini. 

Infatti nel 1998 prendemmo  a cuore il cercare di scoprire qualche cosa di più su quanto accadde nel lontanissimo 1911 e già allora ci immergemmo sul luogo per cercare di scoprire qualche cosa…..che fosse rimasto fino ai giorni nostri…. 

Il Torrente Rezzo però di materiale in tutti questi anni ne ha buttato nel lago; è stato fatto anche il nuovo porticciolo, ma le correnti subacquee sono stravaganti e sul posto c’è sempre un certo alone di mistero : ogni volta che ci si immerge, c’è sempre qualche cosa di nuovo, qualche cosa di diverso, ( già tempo addietro siamo riusciti a recuperare una grossa ancora inglese che ancora tutt’oggi, malgrado i nostri contatti col museo navale di Greenwich, non sappiamo che cosa facesse qui nel bacino di Porlezza) e già allora riuscimmo ad individuare e fotografare nel fango una “cisterna/caldaia” di grosse dimensioni ……ci immergemmo poi anche nel tentativo di ripulire un po’ il  relitto con una sorbona …ma ci fermammo qui.

Trasmettiamo così anche i profili delle nostre immersioni che potrebbero magari dare qualche traccia in più a trovare ….qualche cosa di più….

 Con molto entusiasmo abbiamo letto di questa bella manifestazione preparata con estrema cura dalla DW, atta sicuramente anche a tenere vivi i ricordi dei nostri anziani, a mantenere le vecchie ma sempre utili tradizioni, ed in questo caso magari a spiegare ai nostri figli che il percorso che facciamo in bicicletta magari la domenica mattina, è proprio la vecchia sede ferroviaria che portava il vecchio “masnin” da Menaggio a Porlezza. 

Bravo Max !!!! avanti così :  macchine avanti tutta !!!! 

                                                                   Carlo Roncoroni

 

 

 

 

Cari amici e appassionati se avete del materiale della tremenda alluvione o  sulla locomotiva, foto o qualsiasi altra cosa inerente alla ferrovia e sopratutto alla stazione di Porlezza inviatecelo.

 

trenoscomparso@deepworld.it

 

Scrivete anche per qualsiasi ritrovamento che trovate sul lago o curiosità.

 

faremo nascere la pagina

Il Ceresio sott'acqua